NOlab Academy su Facebook NOlab Academy su Twitter NOlab Academy su Youtube
Via Gerolamo Rovetta, 18 - Milano
+39 02 4539 0840

IL TRUCCO C’E’ E SI VEDE_IL MONDO DEL MAKE UP EFFETTI SPECIALI

Make Up Artist professionisti accorrete: NOLAB ACADEMY si apre agli effetti speciali

Fin da quando fu introdotta nei set cinematografici nel 1917, la figura del truccatore ha rivestito un ruolo fondamentale nel contribuire al successo di un film. Prima di quella data erano gli attori stessi a truccarsi, ma ovviamente i risultati non erano altrettanto professionali. Per questo motivo un giorno il parrucchiere e truccatore George Westmore decise di aprire il primo dipartimento di trucco cinematografico presso gli studi della Selig Polyscope Company, dando così origine alla figura del Make Up Artist professionista. L’importanza di questa professione è stata poi infine consacrata ufficialmente nel 1982, con l’introduzione agli Academy Award del premio Oscar al Miglior Trucco. Se occorrono abilità e tecnica per realizzare “trucchi e parrucchi” tradizionali, pensiamo a quanta ne serve per occuparsi di un altro tipo di make up, volto a modificare completamente e rendere irriconoscibili attrici e attori: il make-up effetti speciali.

Aggiungere parti di corpo, invecchiare il volto, trasformare un essere umano in un mostro sono solo alcuni dei risultati che possono essere ottenuti attraverso un sapiente uso di questa tecnica, che ha iniziato ad essere praticata fin già dagli anni Venti. In quel periodo infatti l’attore e make up artist Lon Chaney era già conosciuto come “l’uomo dai mille volti” proprio per le numerose trasformazioni che subiva ruolo dopo ruolo grazie al trucco. Potremmo citare tanti altri esempi di look iconici nella storia di Hollywood ottenuti per merito degli effetti speciali, come ad esempio il mostro di Frankenstein del film “Frankenstein” del 1931, gli attori trasformati nel Pianeta delle Scimmie del 1968, Johnny Depp nel 1990 in Edward Mani di Forbice fino ad arrivare ai personaggi della saga del Signore degli Anelli (2001-2003). Dagli albori ai giorni nostri, insomma, gli effetti speciali continuano ad essere una parte importantissima nella realizzazione di un film e questo loro ruolo è riuscito a mantenere la propria posizione anche a seguito dell’introduzione della tecnologia CGI.

Quando si vogliono realizzare delle protesi professionali, credibili e che ben si adattino alla fisionomia di chi deve indossarle ci sono degli step precisi da seguire. La creazione di protesi infatti include più passaggi, tra cui il lifecasting per produrre una copia tridimensionale della parte del corpo, e la creazione di diversi tipi di stampi usati poi per realizzare la protesi finale. I materiali utilizzati sono diversi, come il gesso, il la gelatina, il silicone e è fondamentale per il make up artist avere un’ottima conoscenza delle loro proprietà. Infatti, solo creando la giusta miscela tra le varie parti è possibile creare delle protesi e delle parti aggiuntive che non vadano ad intralciare eccessivamente l’attore o l’attrice durante la recitazione. Una mansione dunque importante e complessa, per cui è necessario tanto studio, pratica e impegno, oltre che, quando si è agli inizi, di una buona guida. Questo è proprio ciò che vogliamo offrirvi a NOLAB ACADEMY con i nostri corsi dedicati al Make Up Effetti Speciali. Infatti, di fianco ai corsi più tradizionali di Make Up Correttivo e Make Up Fashion, finalmente fanno il loro ingresso presso il nostro polo corsi più mirati e approfonditi, realizzati per integrare e completare le conoscenze di chi ha già una base nell’arte del make-up. Il corso di Make Up Effetti Speciali è infatti pensato per chi ha già delle basi di make up, o è anche già un make up artist, e vuole avvicinarsi allo studio degli effetti speciali. Seguiteci nelle nostre pagine social e sul nostro sito per avere maggiori informazioni!

Condividi l'articolo con i tuoi amci 😉
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Email this to someone
email
Print this page
Print
18 giugno 2018

Leave a reply